Paterno ( Monte ) Via ferrata Innerkofler - De Luca

11 / 08 / 2021


Itinerario :

Poco oltre il Lago di Landro , in direzione Sesto (1410 m), si trova un area di sosta attrezzata (7 euro 24 h) , in prossimità di edicole informative e di un hotel. Da qui parte una strada sterrata (indicazioni Rif . Locatelli o Trei Zimmer)i che si addentra nella Valle della Rienza. Si fatica a prendere quota , in compenso lo sviluppo è notevole . Si rimane sempre sul lato destro orografico, restando sempre in prossimità del torrente e dei suoi ghiaioni alluvionali. Manca mano che si sale , iniziano ad apparire le punte delle Tre Cime di Lavaredo, in un atmosfera di grande  attesa per lo spettacolo che di lì a poco si mostrerà. Si prosegue nella  valle  e ad un bivio si ignora la traccia di destra per il Colle  Forcellina.  Arrivati dove il vallone si impenna,  si fanno alcuni tornanti tra i pini mughi e si supera un salto roccioso sul fianco di una  cascatella., superato il quale, si apre davanti a noi la spianata erbosa a 2180 m (piccolo laghetto), con vista sulle Tre Cime di Lavaredo.

Si prosegue a sinistra su balze erbose e si arriva in breve ad intercettare il sentiero proveniente dal  Rif. Auronzo.  Poco sopra sorge il il Rifugio Locatelli in posizione panoramica e da dove a destra verso sud , si stacca la cresta , molto facile nel primo tratto . Qui di fatto si entra in un pezzo di storia , perché questo tratto di montagna , è completamente intrinseco di quella che fù la grande guerra. In questi luoghi infatti si sono combattuti aspramente italiani ed austriaci ed ogni anfratto della montagna ne porta i segni . Si inizia subito con percorrere alcune gallerie in salita abbastanza ripide e buie (indispensabile la frontale). Lungo i cunicoli sono presenti finestre che sono dei magnifici belvederi sulle Tre Cime di Lavaredo. Terminate le gallerie , inizia la ferrata vera e propria ( Innerkofler – De Luca) , dove si supera subito un tratto abbastanza ripido. Poi il cavo scorre sfruttando una cengia/ canale che unità ad ottimi appigli per mani e piedi porta alla Forcella del camoscio (2650 m ) . Dal Colle si perde quota sul versante opposto per pochi metri e subito si attacca a destra il pezzo più duro. Qui la ferrata si sdoppia e (a destra si sale , a sinistra si scende) . Siamo ora sul versante Sud , e superata questa difficoltà , ci troviamo sulla parte terminale con comode cenge e piccoli risalti rocciosi facilmente sormontabili o aggirabili. ( prestare attenzione a non scaricare detriti su chi è più in basso). In ogni caso i bolli Rossi e gli ometti in pietre conducono sulla retta via . L'ultimo tratto è molto facile e porta alla bella croce con vista unica.

Per la discesa ci sono diverse possibilità : una è quella di tornare dal percorso di salita una volta raggiunta la forcella . La seconda è di effettuare la ferrata / sentiero attrezzato verso la Croda dei Laghi , e raggiunta l’omonima forcella ( 2550 m ) , da lì tagliare e scendere direttamente i ripidi ghiaioni fino ad intercettare la traccia che arrivava dal rifugio Pian di Cengia , per poi tornare al Rif. Locatelli con un traverso e una breve risalita . La terza è quella di dirigersi verso la Forcella Lavaredo (2454 m) tramite la via attrezzata della Croda Passaporto e Da li verso la Val Rienza. Noi abbiamo optato per la seconda e arrivati al Rifugio Locatelli non resta che scendere ripercorrendo interamente tutta la Valle Rienza fino all'auto.


La nostra gita:

Saliti da Landro, itinerario lungo in ambiente inizialmente chiuso tra pareti, poi si apre tutto prima del Locatelli con spettacolare vista sulle 3 cime..

salita al Paterno molto bella.. non essendo amante delle ferrate, ho apprezzato i tratti attrezzati semplici e soprattutto il resto del contesto militare realizzato su di questa montagna che in apparenza sembra inaccessibile…

Per la discesa abbiamo optato per il percorso attrezzato delle forcelle (anche questo molto bello) verso il Pian Cengia, senza però raggiungere il rifugio.

In prossimità della forcella ci siamo buttati sul lato nord tra ghiaietta e ghiaioni, presente anche traccia a tratti… raggiungendo il sentiero che, soprastante un lago, ci ha riportati al Locatelli . Abbiamo raggiunto il rifugio Locatelli dalla valle di Landro… più lunga e più dislivello ma per lo meno si fa una gita classica ed in ambiente solitario..

salire da Misurina significa, in piena stagione, scazzottarsi con orde di turisti che salgono per vedere le 3 cime di Lavaredo… con coda già in auto per salire la strada a pagamento che se non sbaglio ha ad oggi un costo di 30 euro, oppure il parcheggio a 14 euro volendo salire la strada a piedi…


Scheda tecnica

Località di partenza : Lago di Landro

Quota di partenza :1410 m

Quota vetta : 2746 m

Dislivello : 1336 m

Difficoltà : PD

Esposizione : Varie

Punti di appoggio : Rif Locatelli

Catena / gruppo montuoso : Dolomiti di Sesto

Ubicazione (Stato , Regione , Provincia ; Comune , Valle ) : Italia , Veneto , Belluno , Auronzo di Cadore

4 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
blog-logo.png