Pozzoni ( Cima )

18 / 08 / 2020


Note :

L'avvicinamento non è  molto chiaro in fondovalle a Pelugo, e ci sono due strade , entrambe  molto strette per salire. Vige la regola non scritta che una serva per la salita un'altra per la discesa...ma  è  tutto un poco nebuloso. Ampio parcheggio a fine strada .  La cima non  sempre è  presente sulle carte, a volte nemmeno quotata, ma si tratta di un vero museo a cielo aperto con ancora chiara l'impronta  della guerra....quella vera.

Itinerario:

I cartelli indicano subito il Rifugio Care Alto . Ci incamminiamo sulla strada forestale che sale nel bosco sul lato sinistro orografico della valle. Superiamo la  teleferica per il rifugio e proseguiamo su oramai sentiero. Si compiono alcuni tornanti e si arriva ad un ponte sospeso su torrente impetuoso.  Si svolta a sinistra e lo si attraversa. Adesso il sentiero sale più ripido ed è  molto poco agevole (tratti umidi e pietre sdrucciolevoli), percorrendo il lato destro orografico della valle.  Si sale tra gli ontani con ripidi tornanti stretti  fino a raggiungere un traverso a sinistra che ci fa aggirare una fascia rocciosa.  Passato questo tratto siamo su pascoli aperti e rocce da dove vediamo distintamente il rifugio.  Risaliamo i pendii sottostanti ad esso con alcuni ampi tornanti  e tratti su rocce a gradoni sempre ben segnalate  ( qui ci sorprende un temporale ) per uscire infine nei pressi  di una piccola cappella a pochi passi dal rifugio. 

Dal rifugio si prendono le indicazioni per Sella Niscli-passo Pozzoni – passo Altar. Si scende inizialmente su scalinata e percorso attrezzato con cavo, poi dopo un traverso in piano verso ovest, si guada il torrente su di un breve ‘’ponte tibetano’’ e si giunge ad un bivio.

Si tralasciano le indicazioni per passo  Altar a destra e si prosegue per la sella di Niscli e Pozzoni a sinistra. Raggiunta la sella di Niscli si apre il panorama sul ghiacciaio del Care’ Alto e sul lago Pozzoni. Dalla Sella, proseguendo verso destra ,  si raggiunge in breve la piccola croce di cima Pozzoni, che non è altro che un dosso con sottostante un portale dove viene spiegata la storia della cima, con presenti ancora parecchi  residuati bellici. Bellissimo il colpo d'occhio sul Care’ Alto e le altre cime che circondano il ghiacciaio oltre al sottostante Lago della Busa del Morto, a forma di cuore. Discesa dal percorso di salita.

Scheda tecnica

Località di partenza : Fine valle di Borzago

Quota di partenza : 1260 m

Quota vetta : 2850 m

Dislivello : 1700 m

Difficoltà : EE

Esposizione : nord est

Punti di appoggio : Rifugio Carè Alto

Catena / gruppo montuoso : Alpi Giudicarie

Ubicazione (Stato , Regione , Provincia ; Comune , Valle ) : Italia , Trentino Alto Adige , Trento , Spiazzo, Val Rendena

19 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
blog-logo.png