Pian della Regina ( Cima ) e Piz Olda ( traversata )

07 / 03 / 2022


Itinerario :

Risalita la Val Camonica, si raggiunge Saviore dell’Adamello.

Dalla piazzetta prendere la strada che sale verso sinistra (indicazioni Fabrezza), poco oltre si trova

un bivio e si segue diritto su Via Pian Regina. Seguendo la strada , oltre 2 tornanti si arriva alla Malga Tassua, dove si trova qualche spiazzo per parcheggiare e le indicazioni per la Malga Corti (se si prosegue sulla strada si va verso il Monte Marser e l’itinerario della cresta est del

Pian Regina ). Sul percorso si trovano vari bolli rossi, verdi, e i segnavia rosso/bianco/verde, nella prima parte del bosco , sono un po confusi ma sempre presenti.

Ho seguito le indicazioni per Malga Corti, sentiero 92, prima su stradina cementata e immediatamente dopo , su sentiero che si addentra nel bosco , un po triste a dire la verità , con molti alberi caduti , ma il percorso è stato ben ripulito da quelli che ostruivano il passaggio.

Dopo circa 45 minuti esco finalmente dal bosco incrociando una carrozzabile, e seguendo sempre le bandierine segnavia e tagliando qualche tornante della strada, arrivo alla Malga Corti . Qui si vedono oramai il Pian Regina sulla destra e il Piz Olda sulla sinistra , con una bella spruzzata di neve dal pomeriggio del giorno precedente. Da qui la vista delle cime e dell’itinerario non è proprio entusiasmante, ma poco dopo mi devo ricredere. Sempre su sentiero ben segnalato ( 93 ), proseguo sulla carrozzabile in direzione nord, per abbandonarla in corrispondenza del cartello in legno riportante ‘’Pian Regina’’. Proseguo per dossi e nuovamente ritrovo la stradina che ancora abbandono poco dopo al successivo cartello in legno. Finalmente mi addentro nel valloncello tra le 2 cime e fino a qui ho trovato poca neve e discontinua , ma adesso diventa più

presente ma sempre discontinua e con una bella traccia dei giorni precedenti ( quindi fatica ridotta al minimo ). L’ambiente attorno risplende del nevischio , restio a sciogliersi al sole e man mano che proseguo le mie mete prendono forma e le vallette sono sempre più innevate e sceniche… con la giornata spettacolare di oggi , questa è la gita giusta !!!.

Arrivo alla sella tra le due cime ( 2432 m ) , e seguo le belle tracce fino alla base della ripida pietraia che sale alla cima Pian Regina , mi rampono , prendo la picca e via , sempre più sul ripido , ma mai difficile . Raggiungo un breve e poco più ripido canalino , oltre il quale mi trovo su di un pianoro con davanti la croce di vetta ( 2628 m ) , ed una vista eccezionale sul gruppo dell’Adamello. C’è vento gelido , la fretta di proseguire nella traversata mi costringe a foto di vetta veloci ed a un breve saluto alla bella immagine , credo in bronzo , della madonnina con bimbo poco sotto la croce.

Tornata alla sella proseguo per la cresta est del Piz Olda, anche questa tracciata da 1 o al massimo 2 passaggi. Inizialmente mi tengo sotto cresta sul lato sud, dove è presente una comoda traccia, interrotta in un breve tratto da roccie che si evitano facilmente ma scendendo leggermente con molta attenzione sull’erba olina . Ripreso il sentiero e la cresta , ne tengo il filo , ora tutto su neve, non molta a dire il vero , ma continua.

La cresta è aerea ma l’esposizione non si sente molto . Un piccolo risalto lo si scende sul lato nord su facili roccette scalinate , poi lacresta si fa poco più ampia ma ripida fino a sbucare a pochi metri dalla croce di vetta ( 2516 m ) , che si raggiunge su crestina più sottile ma semplice.

Anche da qui vista spettacolare e breve sosta , prima di scendere dalla cresta ovest fino ad intercettare un largo sentiero a tornanti che taglia il pendio della

montagna. Tagliando i vari tornanti arrivo alla Malga Dos del Curu

(2036 m ), proprio sotto il ripido pendio sud del Piz Olda. Recuperata quindi la stradina sottostante ,raggiungendo la Malga Corti e quindi il sentiero che riporta a Saviore.


Note :

Bellissima traversata di cresta che in queste condizioni di misto è valutabile F .


Scheda tecnica

Località di partenza : Saviore dell’Adamello

Quota di partenza : 1300 m

Quota vetta : 2628 m

Dislivello : 1412 m

Difficoltà : EE

Esposizione : Varie

Punti di appoggio : - - - - - - - - - -

Catena / gruppo montuoso : Alpi Giudicarie

Ubicazione (Stato , Regione , Provincia ; Comune , Valle ) : Italia , Lombardia , Brescia , Cevo, Val Camonica

25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
blog-logo.png