Vergia ( Punta ) e Selletta ( Monte )

Aggiornamento: mar 14

10/10/2020

Itinerario

Si parcheggia a Villa di Prali nel paese, e si torna indietro fin sulla provinciale. Si sale in direzione Ghigo per un centinaio di metri sino ad una croce in legno e si gira a destra su tracce di sentiero vicino ad un orto , per poi infilarsi in un bosco di aceri. Dopo il primo tratto lungo un rigagnolo il sentiero diventa più evidente e appare qualche vecchio bollo bianco e rosso . Si sale a tornanti , superando i ruderi di un alpeggio e spostandosi notevolmente a destra (est) senza prendere molta quota , fino a scollinare nei pressi di vecchie recinzioni al colletto Galmont.

Da qui si gira a sinistra invertendo nettamente la direzione e si percorre la dorsale boscosa molto ampia ed in leggera salita. In alcuni tratti ci si sposta nel versante a nord con bosco ad alto fusto molto fitto , per poi ritornare in cresta nei pressi di un alpeggio (Miande 1874 m). Si continua sempre su dorsale e sempre più aperta dal bosco fino ad arrivare sotto ad una zona disseminata di paravalanghe. La si attraversa da destra verso sinistra e raggiunta la cresta sud del monte Selletta, senza salirvi si taglia in piano in direzione del colle della Fontana (2503 m) dove arriva il sentiero da Balma di Rodoretto. Volendo la cresta che conduce al monte Selletta è semplice e la cima a portata di mano. Da qui si vede la cima Vergia in tutto il suo splendore e si inizia a salire la lunga cresta est che divide i valloni di Prali e Rodoretto .

Il primo tratto è con tracce accentuate dal passaggio di animali , poi in un tratto più roccioso si alternano i versanti sud e nord in base alla difficoltà. Il vecchio sentiero che taglia il versante sud est e che termina al passo della scodella è franato e pericoloso , quindi si sale ancora per cresta e ci si sposta sul lato nord portandosi sotto ad un canale che porta direttamente in punta .

Anche questo canale è franoso e complicato e da valutare attentamente. Non esiste un vero percorso obbligato , ma dovunque si passi si devono usare le mani su terreno molto delicato con esposizione notevole su ambedue i versanti . A parte qualche ometto non ci sono segnavia ….. insomma una montagna non banale e vietato sbagliare.

Scheda Tecnica

località di partenza :Villa di Prali

Quota partenza :1400 m

Quota vetta :2990 m

Dislivello : 1667

Esposizione : sud – est

Difficoltà : EE / F

Catena /Gruppo Montuoso : Alpi Cozie settentrionali

Ubicazione (Stato ,regione, provincia ,comune, valle ): Italia ,Piemonte ,Torino, Prali, Val Germanasca


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
blog-logo.png