Brenta Alta ( Cima di ) da Molveno

29 / 10 / 2022


Itinerario :

Dai pressi degli impianti sportivi di Molveno , si tiene la strada che verso nord , si inoltra nella Val delle Seghe . Questa , in lunghi tratti cementata , ci porta alla base delle pareti del Croz dell’Altissimo , dove sorge l’omonimo rifugio. Senza raggiungerlo , si seguono le indicazioni verso sinistra ( segnavia 319 ) che su bel sentiero , risalgono un bosco misto di faggi e abeti . Dopo un tratto più ripido si raggiunge il Pian di Selvata , anch’esso con omonimo rifugio (1630 m) , e proseguendo ulteriormente si arriva al Baito dei Massodi ( 1994 m). Da qui si vedono distintamente molto in alto , i rifugi Tosa e Pedrotti . Per arrivarci il sentiero supera alcuni dossi erbosi e aggira una fascia rocciosa sulla sinistra. In sequenza si arriva prima al Rifugio Tosa ( solo dormitorio ) , poi al Pedrotti. Il passo successivo è arrivare agevolmente alla Bocca di Brenta con una comoda cengia e poche curve su sentiero fino al colle che si affaccia sulla Valle di Madonna di Campiglio.

Dal colle svolgendo lo sguardo verso il Rifugio Pedrotti , si sale a sinistra pochi metri verso una targa. Si prende a destra su una poco accennata cengia che subito presenta tratti esposti e un masso da scavalcare , per poi diventare più semplice. Un breve tratto di detriti ci immette in un canale che ben presto si divide in 2 camini .

Meglio affrontare quello di destra (II/III), quasi interamente , poi prima dell’uscita piegare a destra su un terrazzino e per rocce più semplici. In questa maniera si raggiunge la prima fascia di ghiaioni , che presenta una traccia evidente da destra verso sinistra dove termina ad una seconda fascia rocciosa. Alcuni ometti indicano con precisione dove riprendere l’arrampicata che avviene alla sinistra di un camino grigiastro , su ben appigliate placche chiare in diagonale (II+).

Invertendo la direzione si superano alcuni gradoni e si arriva alla seconda porzione di ghiaioni. Nuovamente si piega a sinistra e si cerca di arrivare faticosamente sotto al canale di centro parete . Si attacca al centro per rocce in parte levigate e biancastre , ma non difficili , fin dove il canale si allarga . Si piega a destra , su gradoni e sfasciumi , passando a sinistra di una guglia. Seguendo il più fedelmente possibile , i numerosi ometti di pietre tra piccole cenge e risalti , si risale l’ultimo tratto sino alla cresta . Posta a sinistra tra due grossi ometti vi è la cima con libro di vetta. Panorama eccezionale su tutto il gruppo del Brenta . Discesa dal percorso di salita , con 4 calate consigliate ( corda da 60 metri).



Note :

Fare scorta di acqua con rifugi chiusi


Scheda tecnica

Località di partenza : Molveno

Quota di partenza : 830 m

Quota vetta : 2962 m

Dislivello : 2132 m

Difficoltà : PD

Esposizione : Sud

Punti di appoggio : Rifugio Pedrotti , Rifugio Tosa , Rifugio Croz dell’Altissimo , Rifugio Selvata

Catena / gruppo montuoso : Dolomiti di Brenta

Ubicazione (Stato , Regione , Provincia ; Comune , Valle ) : Italia ,Trentino Alto Adige , Trento , Molveno

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
blog-logo.png